22 gennaio 2021

Cos'è l'Effetto Placebo?

Nella seconda guerra mondiale, il Dott.Henry Beecher doveva operare d’urgenza un soldato ferito ma la morfina era finita e sapeva che senza un antidolorifico il dolore avrebbe causato un arresto cardiaco e la morte del povero soldato. Lampo di genio: il dottore riempì una siringa di una soluzione salina e la iniettò al soldato che si calmò in un attimo, il dolore non provocò la morte e l’operazione proseguì. Come è possible, si chiese Beecher, che la soluzione salina abbia sostituito la morfina?

La neuroscienza ha dato una risposta a questa domanda ed in questo nuovo video di Farmabros vi accompagnerò alla scoperta dell’effetto placebo!

Cos’è un placebo?

Qualcosa che non ha un potere innato di produrre un certo effetto che si cerca o ci si aspetta accada, ma che lo produce ugualmente.

Perchè accade?

Per 2 motivi:

1-CONDIZIONAMENTO: ovvero una memoria passata viene associata ad uno stato fisiologico. Vi faccio un esempio: ogni volta che hai mal di testa prendi un moment ed il dolore ti passa. Questo effetto positivo viene registrato dalla tua memoria. Ma se senza saperlo tu prendessi una pillola composta di zucchero pensando sia moment, essendoci già creata un’associazione mentale, il mal di testa se ne andrebbe comunque nonostante tu non abbia preso un farmaco.

2-ASPETTATIVA: ovvero l’aspettarsi un certo risultato da una determinata azione. In parole semplici: hai mal di testa, appena prendi il moment inizi a sentire sollievo nonostante il farmaco in realtà ci metta mezzo’ora a fare effetto.

Cosa succede nel cervello?

Il nostro cervello si attiva in due zone: una che rileva gli stimoli sensoriali, come il dolore, e l’altra ovvero la corteccia prefrontale, che crea le aspettative, cioè che il dolore che stai provando con il moment scomparirà. Gli scienziati hanno scoperto che se inconsapevolmente prendi uno zuccherino al posto del moment, il tuo cervello attiva meno la zona che rileva il dolore e di più la zona che governa le aspettative, ed il mal di testa ti passa comunque. E non solo, sembra addirittura che il cervello liberi gli oppiodi endogeni, ovvero delle sostanze prodotte dal nostro corpo con attività analgesica.

Può essere usato come cura?

Bisogna sicuramente stare attenti perché si instaura un meccanismo psicologico molto potente che però non sostituisce una terapia con farmaci. Però, per esempio, un dottore invece di somministrare un farmaco a dosi elevate può rendere le persone più suggestionabili, creando un’aspettativa maggiore sull’efficacia del farmaco e quindi potenziandone l’effetto.


Ultimi articoli

22 gennaio 2021

Cos'è l'Effetto Placebo?

Nella seconda guerra mondiale, il Dott.Henry Beecher doveva operare d’urgenza un soldato ferito ma la morfina era finita e sapeva che senza un antidolorifico il dolore avrebbe causato un arresto cardiaco e la...

12 gennaio 2021

Vaccino Covid: le domande più frequenti.

Avete Ancora dubbi sul nuovo vaccino contro il Covid-19? L’agenzia Italiana del farmaco ha già risposto a tutte le vostre domande ed io sono qui apposta per spiegarvele! Io sono Niccolò e questo è il nuovo...

29 giugno 2020

Quale drenante adoperare contro la ritenzione idrica

COS'É LA RITENZIONE IDRICA?

Per "ritenzione idrica" si intende la tendenza dell'organismo a trattenere liquidi nell'organismo che vanno ad accumularsi sotto forma di rigonfiamento su addome, glutei e...